Cronologia

//Cronologia
Cronologia 2018-01-20T18:21:24+00:00

1871

Hadj Nematollah, padre di Ostad Elahi, nasce nel villaggio di Jeyhunabad, nell’Ovest dell’Iran

1894

Matrimonio dei genitori di Ostad Elahi

1895

Ostad Elahi nasce l’11 settembre a Jeyhunabad

1900

Inizio della pratica mistica di Hadj Nematollah, a seguito di una trasformazione spirituale

1901

Introduzione al tanbur, un antico liuto dedicato alla musica sacra

1905

A partire dall’età di nove anni, inizia dodici anni di ritiro ascetico

1905

Livello magistrale nell’uso del tanbur

1906

Trasformazione spirituale all’età di undici anni

1906

Nasce la sorella di Ostad Elahi, Malek Jan, che successivamente ne trasmetterà gli insegnamenti

1916

Conclusione dei dodici anni di ritiri ascetici

1917

Matrimonio di Ostad Elahi

1920

Hadj Nematollah lascia questa terra

1922

Primo viaggio a Teheran dove rimane un anno

1929

Secondo viaggio di Ostad a Teheran per un soggiorno di un anno

1930

Inizio del lavoro nella funzione pubblica: funzionario presso il Catasto e la Conservatoria degli Atti di Kermanshah

1932

Impiego presso il Catasto e la Conservatoria degli Atti a Tajrish

1932

Si iscrive alla Scuola Nazionale di Giurisprudenza; contemporaneamente lavora presso il Catasto e la Conservatoria degli Atti a Tajrish

1934

Prima nomina come giudice di pace a Larestan

1937

Nominato Giudice supplente e Giudice istruttore a Shiraz

1939

Nominato Procuratore Generale a Khorramabad

1941

Nominato Presidente del Tribunale Penale e Membro della Commissione di Restituzione delle terre della provincia di Kermanshah

1944

Nominato Presidente della Corte Distrettuale di Kerman e della Sezione Commerciale con giurisdizione in materia di diritto della concorrenza

1944

Nominato Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Kermanshah

1945

Nominato Procuratore Generale di Qom

1947

Aspettativa sul lavoro

1948

Nominato Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Kermanshah

1949

Nominato Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Azerbaijan

1949

Nominato Direttore presso il Ministero della Giustizia e Presidente del Tribunale Commerciale di Jahrom

1952

Nominato Procuratore Generale a Teheran

1955

Nominato Procuratore Generale e poi Presidente della Corte d’Appello Penale della provincia di Mazandaran

1957

Pensionamento anticipato all’età di sessantadue anni dopo ventisette anni di pubblico servizio; si stabilisce a Teheran

1963

Pubblicazione di Borhan ol-Haqq (Dimostrazione della Verità)

1967

Pubblicazione di Hashieh bar Haqq ol-Haqayeq (Commento del Libro dei Re della Verità)

1969

Pubblicazione di Marefat ol-Ruh (Conoscenza dell’anima)

1974

Ostad Elahi lascia questo mondo all’età di settantanove anni a Teheran

1978

Pubblicazione del primo volume dell’Asar ol-Haqq (Tracce di Verità), raccolta dei suoi insegnamenti orali

1982

Distruzione della sua tomba a Hashtgerd

1984

Ricostruzione del suo memoriale a Hashtgerd

1985

Costituzione, negli Stati Uniti, della Nour Foundation, organizzazione non governativa, ente caritatevole, ispirato alla vita e all’opera di Ostad Elahi

1992

Pubblicazione del secondo volume dell’Asar ol-Haqq (Tracce di Verità)

1993

Malek Jan, conosciuta anche con il titolo onorifico di Sheykh Jani, lascia questo mondo

1995

Commemorazione del Centenario della nascita di Ostad Elahi

2000

Costituzione della Fondation Ostad Elahi: Ethique et Solidarité Humaine a Parigi, Francia

2014

Inaugurazione di The Sacred Lute: The Art of Ostad Elahi, una speciale mostra al Metropolitan Museum of Art di New York

Nota: nel nuovo ordinamento giudiziario iraniano basato sul modello francese inquisitorio o non accusatorio, il tribunale svolgeva un ruolo attivo nelle investigazioni e nell’accertamento dei fatti nei procedimenti penali. In tal senso, i giudici rivestivano un doppio ruolo in quanto svolgevano o la funzione di pubblico ministero o quella di giudice: i pubblici ministeri operavano come procuratori generali esaminando e presentando i casi di fronte ai giudici istruttori competenti. Di conseguenza, il normale avanzamento di carriera nella magistratura prevedeva che all’inizio si svolgesse l’incarico di pubblico ministero presso le corti inferiori e alla fine quello di giudice presso le corti distrettuali e d’appello. Come si evince da questa cronologia, e per le ragioni che saranno esaminate più a fondo nella sezione di questo sito denominata “Magistratura”, la carriera di Ostad Elahi non ha seguito il percorso ordinario.